Attività e servizi

Perizia grafologica / calligrafica

L’attività professionale più richiesta al nostro studio è la perizia grafologica, anche comunemente chiamata perizia calligrafica. Si tratta di un elaborato tecnico che illustra i risultati ottenuti da un accertamento peritale volto ad identificare l’autore di una firma o di un testo manoscritto. E’ il passo principale e necessario per intraprendere una azione giudiziaria, che sovente viene richiesto dal privato o sollecitato dallo stesso avvocato, che richiede la verifica grafologica di un perito prima di dare avvio all’azione giudiziaria. Per questa ragione la relazione espositiva della perizia calligrafica viene redatta con i crismi necessari al suo successivo deposito in sede civile e penale tenendo conto di tutte le caratteristiche dello scritto, a cominciare dal tipo e dall’età del supporto, per concentrarsi sulla ricorrenza di tratti specifici o di variazioni dovute all’età o alla presenza di patologie dell’autore dei tracciati. Oggetto della perizia grafologica sono ad esempio le firme in calce a contratti tra privati, fideiussioni bancarie, cambiali, assegni, testamenti olografi, lettere anonime, scritte murarie ma anche manoscritti storici o firme su opere d’arte.

Richiedi informazioni
Parere preventivo

Si tratta di parere tecnico, fornito a voce, in via preliminare agli studi legali ed agli istituti bancari o assicurativi che collaborano continuativamente con lo Studio Tacconi per la gestione di diverse posizioni. L’impostazione più attuale, a fronte del crescente numero di contraffazioni o disconoscimenti, é quello di avere da subito il punto di vista peritale per esplorare l’approccio più idoneo al contenzioso ed affrontare con tranquillità una eventuale consulenza d’ufficio in sede di giudizio. Dopo l’iniziale inquadramento della problematica, laddove vi siano i presupposti, si procede all’individuazione dell’elaborato peritale più adatto al caso, sia esso una perizia grafologica pro-veritate od una perizia giurata o asseverata. Questa impostazione consente un minor impegno economico per il cliente che potrà investire in tal modo sulle posizioni più solide, ed al contempo una maggiore disinvoltura nel sottoporre al perito pratiche che sarebbero state accantonate ignorandone le possibilità di successo.

Richiedi informazioni
Consulenza processuale

La richiesta di perizie calligrafiche o grafologiche in sede civile o penale rende il perito grafologo uno speciale interlocutore e ausiliario dei protagonisti del processo la cui consulenza é un elemento determinante per l’impostazione di una causa o la soluzione di un caso. I diritti dibattuti nel processo civile o nella mediazione, così come l’innocenza o la colpevolezza nel processo penale, possono dipendere dalla conferma o smentita della veridicità di un documento. Gli studi legali sono sempre più strutturati ed il numero delle law firm internazionali é cresciuto notevolmente, la stessa figura professionale dell’avvocato si é evoluta in modo significativo all’interno della disciplina giuridica e conseguentemente il perito grafico e grafologo, che opera quotidianamente in ambito legale, deve di pari passo fare proprie quelle nozioni giuridiche fondamentali che gli permettano di contribuire tecnicamente all’interno di un team legale. Lo Studio Tacconi, nelle vesti di Consulente Tecnico di Ufficio o di parte, fornisce assistenza qualificata affiancando magistrati e avvocati nel massimo rispetto delle norme deontologiche e del segreto professionale.

Richiedi informazioni
Aree di attività

Tutte le aree di attività e le casistiche affrontate dal perito grafologo

Firme false

Le tecniche di falsificazione di una sottoscrizione sono varie e sempre più sofisticate, la firma può essere imitata a mano libertà, ricalcata, alterata fisicamente o chimicamente o fotoriprodotta trasponendola da un altro documento. Il perito calligrafico o grafologo visionando il documento ed i tracciati grafici può identificare quali siano state le modalità artificiose utilizzate dal falsario e quindi procedere con gli accertamenti peritali più idonei all’espletamento della perizia calligrafica per attestare la non autenticità della firma.

Firme disconosciute

É possibile trovarsi di fronte ad una firma disconosciuta dal reale sottoscrittore ma in realtà autentica, talvolta solo apparentemente anomala ma in realtà frutto di una autofalsificazione messa in atto con malafede dall’autore al fine di poterne disconoscere la paternità al momento opportuno. Il perito calligrafico è in grado attraverso la propria preparazione tecnica, applicando il metodo grafologico, di smascherare anche la più ostica e sofisticata dissimulazione della propria firma.

Mano guidata

Tra i casi più sottoposti all’analisi del perito vi è quello del documento, generalmente il testamento, la cui firma è sospetta in virtù dello stato di salute psicofisica dell’autore, verosimilmente troppo debole per vergare un documento se non sotto la guida attiva di una mano estranea che ne aiuti il movimento. Anche in questo caso vi sono tecniche investigative e di analisi particolarmente efficaci a svelare la mistificazione.

Incapacità di intendere e di volere

E’ determinante, con l’aiuto di un medico grafopatologo, valutare lo stato di salute complessivo del presunto autore di un testamento o di una sottoscrizione, in particolari modo rispetto alla data riportata dal documento, questo per comprendere sia se le condizioni fisiche e psichiche consentissero all’epoca la realizzazione di un atto importante sia per verificare se vi sia stata una ante-datazione o post-datazione dell’olografo o del documento per attribuirlo ad un periodo di salute del sottoscrittore.

Analisi degli inchiostri e datazione del documento

Nella perizia calligrafica deve essere valutata preliminarmente l’integrità del reperto per accertare eventuali alterazioni chimiche o fisiche come ad esempio cancellature, abrasioni, asportazioni di parti manoscritte come ad esempio importi di denaro. Occorre valutare l’eventuale aggiunta di cifre o intere righe nel mezzo del testo o, attraverso analisi degli inchiostri della penna utilizzata, stabilire se il documento sia stato steso e/o sottoscritto in più riprese a distanza di anni o in data diversa da quella dichiarata.

Testamento olografo

Il testamento olografo, ovvero quello manoscritto dal testatore, richiede nella sua formalità di essere redatto in tutte le sue parti, testo, data e firma dal testatore nel pieno possesso delle proprie facoltà mentali, senza l’aiuto di terzi. Il venire meno di uno di questi requisiti inficia la genuinità del testamento rendendolo impugnabile dagli eredi o da chi ne abbia interesse. Avremo ad esempio testamenti realizzati imitando la grafia e la sottoscrizione del defunto o redatti data diversa da quella indicata, sotto costrizione, in stato di incapacità di intendere e volere o scritti dal testatore con l’aiuto di terzi che ne guidavano o ne forzavano la mano durante la scrittura. Le cause di successione testamentaria hanno spesso ad oggetto consistenti eredità patrimoniali e si presentano talvolta molto complesse, per questo motivo lo Studio Tacconi ha sviluppato un network di professionisti altamente specializzati per affrontare in teamwork questo tipo di contenziosi. I diversi successi ottenuti hanno reso lo Studio Tacconi un riferimento di sicuro successo per le cause di successione ereditaria.

Lettera anonima

Un altro dei quesiti con cui il perito è chiamato a confrontarsi è quello di individuare la mano autrice di uno scritto anonimo. Le tecniche di analisi sono molte e variano a seconda che si tratti di un testo su carta o di scritte murarie. Si tratta di uno studio delicato e molto approfondito che spesso rientra in un contesto più ampio di Stalking. Occorre procedere con la massima accortezza richiesta dal caso valutando con perizia reperti scritturali provenienti dal sospetto autore.

Originale o fotocopia

Il perito grafologo è incaricato di accertare l’autenticità di un documento e l’analisi può riguardare il contenuto, a mano o dattiloscritto, o il supporto su cui si trova. Lavorare su documenti originali è la regola, l’originale infatti permette di svolgere le più varie ed appropriate indagini e raggiungere il più alto grado di certezza dell’elaborato peritale. Tuttavia, in temporanea assenza dell’originale, non bisogna disperare: con le dovute premesse metodologiche e deontologiche, vi sono esami che possono svelare aspetti rilevanti e chiarificatori anche partendo da una fotocopia purché di buona qualità.